mercoledì 28 marzo 2018

Facebook ha spiato rubrica e telefonate, anche di chi non l'ha mai usato - ecco come fare per scoprirlo

Il caso Datagate potrebbe essere solo la punta dell'iceberg: le attività che Facebook ha tracciato non riguardano solo le azioni degli utenti strettamente riferito all'utilizzo del social. 

È quanto emerge dagli ultimi sviluppi e ciascun utente può scoprire molto facilmente tutte le informazioni che Facebook possiede su di lui: i risultati sono sorprendenti, perché in molti casi l'archivio dati comprende anche ogni attività possibile con lo smartphone e tra le varie informazioni di contatto ci sono anche quelle di chi, sul social, non ha mai aperto un account.Tra i primi a denunciare la vicenda c'è Julian Assange: il fondatore di Wikileaks, su Twitter, ha spiegato il semplice procedimento che occorre per ottenere un elenco dei dati che Facebook possiede di ciascun utente. Ecco come fare: basta andare sulle Impostazioni di Facebook e cliccare sull'opzione 'Scarica una copia dei tuoi dati'. A quel punto dovrete attendere un po' prima di ricevere una e-mail direttamente da Facebook, che contiene un file in formato .zip da estrarre prima di aprire il file 'html/index.htm'. I risultati sono clamorosi: in molti casi, sono presenti tutti i contatti della rubrica e di Facebook, inclusi quelli rimossi, ma anche lo storico (completo di informazioni sulla data e sulla durata) delle chiamate e dei messaggi, oltre alla lista completa degli eventi social a cui l'utente ha partecipato. Com'è possibile che Facebook sia riuscito a estrapolare anche i dati non relativi all'applicazione? Questo problema, che sembra riguardare alcuni dispositivi Android ma non gli iPhone, grazie alle più restrittive politiche sulla privacy di Apple, sorge dal fatto che quando si utilizza per la prima volta l'app di Messenger, Facebook chiede all'utente di accedere alla lista dei contatti. Si tratta, però, di un miglioramento recente dopo anni in cui, utilizzando Messenger, l'app aveva libero accesso alla rubrica all'insaputa dell'utente. In una nota del 25 marzo Facebook ha spiegato che l'obiettivo è quello di "rendere facile trovare le persone con cui vuoi essere in contatto", eppure è riuscito ad acquisire informazioni anche di chi non ha mai aperto un account, ma è presente nella rubrica degli utenti del social

Nessun commento:

Posta un commento

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *

Cerca nel blog

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo contattando l’autore attraverso l'apposito modulo saranno immediatamente rimossi. L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.